Panoramica sull'Energia Elettrica ed il Gas Metano

Quello che devi sapere è che nessun fornitore in italia vende direttamente all'utente finale

Lo scambio dell'energia

L’energia elettrica viene acquistata dai fornitori dalla borsa attraverso il PUN (Prezzo unico nazionale che sarebbe il prezzo di riferimento dell’energia elettrica rilevato sulla borsa elettrica italiana IPEX, Italian Power Exchange) per poi essere rivenduta al consumatore. In questo caso il costo più basso della materia prima per il cliente c’è l’ha il fornitore che è più bravo ad acquistare al minor prezzo un quantitativo di kw.

L'importazione del gas

Il gas viene importato in Italia da altri paesi come la Russia, Algeria, Libia, Olanda e Norvegia e viene scambiato attraverso il punto di scambio virtuale (PSV); è il principale punto di incontro tra domanda e offerta del mercato del gas in Italia. Qui si definisce il prezzo del gas all’ingrosso e in base a questo valore i fornitori valutano il prezzo della materia prima gas da applicare al cliente finale.

NB: Tutto dipende dal prezzo della materia prima del kw e del smc tutte le altre quote sono fisse e vanno ad accrescere in percentuale sulla quota della materia prima, per tanto più è basso il prezzo della materia prima più si abbattono le altre quote; Scopriamo nei seguenti grafici come sono composte le bollette delle utenze domestiche.

 

Bolletta Energia

Bolletta Energia Elettrica

Clicca per vedere le percentuali

Analisi delle voci

  • KW = Materia prima energia
  • Terna = Gestore delle reti fino al comune dell'energia
  • Distributore = Contatore locale
  • Imposte = Tasse
  • SMC = Materia prima gas
  • Snam = Gestore delle reti fino al comune del gas

Bolletta Gas Metano

Clicca per vedere le percentuali

Come abbattere i consumi

  • Il maggior risparmio al consumatore viene dato da quelle aziende che hanno meno costi di gestione e che operano soprattutto online, e che non fanno un marketing sfegatato cosi invece come fanno i grandi colossi, qui vince la legge d'impresa, cioè che nessuno fa niente per niente, le imprese per rientrare dai costi sostenuti per portare l'utente dalla sua parte, di certo avrà il prezzo finale più alto.
    Ci sono invece anche aziende, come dicevamo prima, che danno al cliente un ottimo servizio ma che non investendo in marketing ed ottimizzando i costi gestionali, riescono ad offrire le tariffe più vantaggiose del mercato, utilizzando cosi la politica del minor costo per portare il cliente dalla loro parte.

  • Un altro fattore importante per il risparmio in bolletta sia luce che gas è lo studio del mercato ed annualmente saper scegliere se avere una tariffa variabile ( che cresce o diminuisce in base al mercato ) o una tariffa a prezzo fisso ( dove il prezzo viene bloccato indipendentemente dalle variazioni del mercato) anche se questa tariffa solitamente è quella più gettonata in alcuni casi non è la scelta migliore.

  • Sicuramente c'è d'accertarsi di cambiare i vecchi elettrodomestici con quelli nuovi ad efficienza energetica, il minor consumo viene prodotto dalla Classe A+++ e cosi a scendere.

  • Infine un ultimo fattore che determina ad oggi il risparmio è la domiciliazione delle bollette. Oltre al risparmio sull’invio del cartaceo ci sono società che premiano l’untente con maggiore scontistica sul prezzo della materia prima.